ARNIETTA PITARRESI FREE WORK PER PRODUZIONE REGINA T3

69,22

Il nucleo contiene tre comparti destinati alla fecondazione, separati da due fogli di lamiera zincata; all’interno di ognuno viene inserito un telaino a fisarmonica (CON CHIUSURA NON A CERNIERA MA AD INCASTRO NELLA PARTE ALTA DEL PORTAFAVO).
Dispone di 3 coprifavi a nutritore, due sono uguali all’arnietta T2, mentre il centrale è leggermente più piccolo; entrambi sono paraffinati, con camino centrale, e con apposita chiusura per il foro della nutrizione durante il trasporto.
Sopra viene appoggiato un foglio di masonite, e infine i coprifavi vengono coperti da un tetto elettrosaldato.
Possiede 3 porticine, su tre lati diversi del nido.

Descrizione completa

MODO D’USO
1. Togliere il telaino dall’arnietta.
2. Tendere i fili con l’aiuto dello zigrinatore (fig.12).
3. Fissare i fogli di cera con l’aiuto del inserifilo elettrico.
4. Aprire il telaino fino a portarlo delle stesse dimensioni di un normale telaino da nido ed introdurlo dentro l’ar- nia facendolo lavorare dalle api.
5. Dopo 7 – 10 giorni, togliere il telaino dall’arnia, verifi- care che ci siano uova e larve e che la regina non sia sul telaino. Togliere i blocchi messi, ripiegare il telaino e reintrodurlo nel nucleo.
6. Alimentare con 200 ml di nutrimento liquido nel nutri- tore a intervalli di due giorni.
ATTENZIONE!!! Se non introducete la cella reale, dovrete fare lavorare e deporre i telani solo dalle famiglie dove le
api sono state più produttive.
Vale anche in questo caso il fatto di dover separare il nucle per una notte o due in un posto freddo, dopo di che, si può
riportare dove era prima e si può aprire la porticina.
7. Controllare dopo 7 giorni. Nel caso non venga inserita una cella, il controllo verrà fatto dopo 20 – 25 giorni.
Questo telaino si può usare per aiutare una famiglia orfana e per formare un altro nucleo.
Il nucleo si può usare anche per conservare la regina durante il periodo invernale. In questo caso è consigliabile mettere più nuclei uno vicino all’altro, per alzare la temperatura e diminuire le correnti d’aria, stando sempre molto attenti che i nuclei formati abbiano scorte sufficienti per poter sopravvivere.

MODO D'USO
1. Togliere il telaino dall’arnietta.
2. Tendere i fili con l’aiuto dello zigrinatore (fig.12).
3. Fissare i fogli di cera con l’aiuto del inserifilo elettrico.
4. Aprire il telaino fino a portarlo delle stesse dimensioni di un normale telaino da nido ed introdurlo dentro l’ar- nia facendolo lavorare dalle api.
5. Dopo 7 – 10 giorni, togliere il telaino dall’arnia, verifi- care che ci siano uova e larve e che la regina non sia sul telaino. Togliere i blocchi messi, ripiegare il telaino e reintrodurlo nel nucleo.
6. Alimentare con 200 ml di nutrimento liquido nel nutri- tore a intervalli di due giorni.
ATTENZIONE!!! Se non introducete la cella reale, dovrete fare lavorare e deporre i telani solo dalle famiglie dove le
api sono state più produttive.
Vale anche in questo caso il fatto di dover separare il nucle per una notte o due in un posto freddo, dopo di che, si può
riportare dove era prima e si può aprire la porticina.
7. Controllare dopo 7 giorni. Nel caso non venga inserita una cella, il controllo verrà fatto dopo 20 – 25 giorni.
Questo telaino si può usare per aiutare una famiglia orfana e per formare un altro nucleo.
Il nucleo si può usare anche per conservare la regina durante il periodo invernale. In questo caso è consigliabile mettere più nuclei uno vicino all’altro, per alzare la temperatura e diminuire le correnti d’aria, stando sempre molto attenti che i nuclei formati abbiano scorte sufficienti per poter sopravvivere.

Informazioni aggiuntive

Peso 8,1 kg
Dimensioni 42 × 22 × 42 cm
Dimensioni esterne

210x415x420 mm

Il mio carrello
Il tuo carrello è vuoto.

Sembra che tu non abbia ancora fatto una scelta.