Giornata Mondiale delle Api

3 Novembre 2022

Il 20 maggio è la giornata mondiale delle api, il cui scopo è diffondere la consapevolezza dell’importanza delle api e di altri impollinatori per la nostra sopravvivenza.
Gli apicoltori di tutto il mondo sono uniti più che mai affinché le api possano continuare l’impollinazione salvaguardando la nostra sicurezza ambientale.

Per festeggiare insieme vogliamo offrirvi un’offerta speciale!
Solo per giovedì 20 maggio inserendo il codice sconto BeeDay21 potrete usufruire di uno sconto del 10% su arnie e telaini.

Beneficiari – chi può presentare la domanda di sostegno

Possono accedere alla concessione dei contributi le singole aziende apistiche che rispettano i seguenti requisiti:

  • apicoltori singoli o associati con sede legale nel territorio della regione Piemonte;
  • avere presentato denuncia annuale di possesso alveari per annualità 2023 attraverso la registrazione dei dati di censimento apistico nella Banca dati apistica nazionale (BDN apistica);
  • essere in possesso di partita IVA per attività apistica o agricola alla data di presentazione della domanda;
  • essere iscritto al registro delle imprese della Camera di Commercio;
  • condurre almeno 52 alveari, rilevati dall’ultimo censimento (2023) apistico nazionale. Altresì, è valido quanto riportato dal Regolamento regionale n.10/2021 “Nel calcolo numerico degli alveari 3 nuclei corrispondono ad 1 alveare”;
  • avere costituito il fascicolo aziendale presso un CAA con regolare mandato prima della presentazione della domanda;
  • avere la disponibilità di locali di lavorazione dei prodotti dell’alveare (smielatura) in regola con le norme igienico-sanitarie se di proprietà, o in alternativa dimostrino di operare in ambienti in regola con le norme igienico sanitarie se di terzi. Se il laboratorio è di terzi, in fase di presentazione della domanda di aiuto è richiesto l’allegato attestante il contratto tra le parti relativo al comodato/affitto.

 

Azioni e acquisti ammessi a finanziamento

Per le azioni b.1, b.2, b.4 e b.5 la domanda di aiuto deve essere accompagnata da tre preventivi di spesa.

Si precisa che i tre preventivi devono risultare confrontabili, ossia presentare le medesime voci di spesa. I preventivi di spesa (per beni/attrezzature o acquisizioni di servizi) devono essere rilasciati da fornitori diversi e riportare in modo dettagliato l’oggetto della fornitura e le caratteristiche del bene/servizio. Deve essere inserito in domanda di aiuto il preventivo che presenta l’importo inferiore.

_________________________________________________________________________

Azione b.1. – Lotta contro gli aggressori e le malattie dell’alveare

  1. Acquisto di arnie antivarroa con fondo a rete;
  2. Acquisto di attrezzatura scanner per il conteggio delle varroe;
  3. Sterilizzazione/disinfezione delle arnie ed attrezzature apistiche, che si articola in:
    1. acquisto di attrezzature per la sterilizzazione/disinfezione delle arnie e attrezzature apistiche;
    2. servizio effettuato da terzi per la sterilizzazione/disinfezione delle arnie e attrezzature apistiche;
  4. Acquisto di presidi sanitari veterinari;

Sono ammissibili le spese sostenute per l’acquisto di presidi sanitari ammessi dalla legislazione vigente per la lotta alle malattie dell’alveare. L’approvvigionamento dei presidi deve essere effettuato attraverso i canali autorizzati.

PRESIDI SANITARI

Spesa massima ammissibile per le singole aziende apistiche:

  • Euro 10.000,00 per alveari trattati/apicoltore
  • Euro 10,00 per alveare

 

_________________________________________________________________________

Azione b.2. – Prevenzione avversità climatich

Acquisto di:

  1. sistemi di alert;
  2. centraline;
  3. sistemi di monitoraggio agrometeorologico;
  4. attrezzature e software per il monitoraggio da remoto degli apiari.

 

Le attrezzature riguardano strumenti di avvertimento e supporto decisionale (DSS) capaci di fornire informazioni sullo stato generale delle famiglie, delle produzioni e dell’ambiente circostante agli apiari nelle aree in cui operano gli apicoltori, ottimizzare i tempi e i costi di gestione degli apiari, migliorare la qualità del lavoro dell’apicoltore, favorire una più efficace gestione della salute degli alveari, ed il controllo geolocalizzato da remoto degli alveari anche contro i furti. Le spese sono inerenti all’acquisto o fruizione (abbonamenti) delle tecnologie necessarie, delle attrezzature hardware (escluso PC) e software integrati o funzionali all’utilizzo delle stesse.

 

_________________________________________________________________________

Azione b.4. – Razionalizzazione della transumanza: acquisto di arnie, di attrezzature e materiali vari per l’esercizio del nomadismo

Acquisto di:

  1. arnie per l’esercizio del nomadismo;
  2. attrezzature e materiali vari per l’esercizio del nomadismo;
  3. noleggio o leasing di veicoli per l’esercizio del nomadismo e/o acquisizione di servizi per le operazioni di trasporto.

 

_________________________________________________________________________

Azione b.5. – Acquisto di attrezzature per la conduzione dell’apiario ed il miglioramento delle condizioni di lavoro e di attrezzature per la lavorazione, il confezionamento e la conservazione dei prodotti dell’apicoltura 

Acquisto di:

  1. attrezzature e sistemi di gestione (hardware/software) per la conduzione dell’apiario ed il miglioramento delle condizioni di lavoro;
  2. attrezzature per la lavorazione, il confezionamento e la conservazione dei prodotti dell’apicoltura.

 

Ad esempio:

  • acquisti di macchine e attrezzature relativi a processi di estrazione;
  • conservazione e confezionamento del miele e degli altri prodotti dell’alveare;
  • materiali e attrezzature per il miglioramento delle condizioni di lavoro;
  • dispositivi di protezione individuale (DPI);
  • sistemi di raffrescamento fissi;
  • telaini;

 

 

Limiti di spesa

Per le suddette “azioni” come previsto dal D.M. del 30/11/2022 n. 614768 è riconosciuto un contributo pari al 60% della spesa ammessa.

Per le singole aziende apistiche è previsto un importo minimo corrispondente ad una spesa ammissibile di euro 2.500,00. La spesa massima ammissibile è di euro 20.000,00.

Nel caso in cui la domanda di premio contenga anche le azioni b.4 o b.5, oppure contenga entrambe le azioni b4 e b5, la spesa massima ammissibile sarà pari a 30.000 euro.

 

 

Modalità di presentazione della domanda di aiuto e documenti da allegare

Le domande devono essere presentate dal 10 giugno 2024 fino al 10 settembre 2024 attraverso il portale SIAN servizio “Presentazione domanda di aiuto miele 2025” (vedasi manuale predisposto da AGEA).

 

 

Informazioni

Contattateci al n. 0142-464626 oppure recatevi presso il ns negozio sito in Casale Monferrato (AL) – Strada Antica di Morano – 4/6, saremo felici di fornirVi ulteriori approfondimenti e formularVi ns miglior preventivo di spesa.

 

 

Visualizzazione di 1-4 di 560 risultati

Il mio carrello
Il tuo carrello è vuoto.

Sembra che tu non abbia ancora fatto una scelta.